Fiam Academy

Ergonomia del posto di lavoro: nel settore dell’avvitatura sempre più sicurezza e minor affaticamento per gli operatori

In tema di prevenzione delle affezioni muscolo scheletriche da movimenti frequenti e ripetuti si fa riferimento a standard europei connessi alla Direttiva Macchine 2006/42/CE, a cui i produttori di macchine devono fare riferimento.

Queste caratteristiche sono ancora più importanti in relazione al particolare utilizzo dell’avvitatore, dove le maggiori cause di affaticamento per l’operatore derivano da:

  • spinta necessaria per compiere l’avvitatura;
  • reazione sulla mano al raggiungimento della coppia prefissata;
  • peso dell’avvitatore;
  • bilanciamento dell’avvitatore;
  • le vibrazioni causate dall’utensile;
  • l’inadeguatezza e la non idonea modalità di impiego del posto di lavoro.

L’ergonomia è da sempre un punto di forza delle soluzioni sviluppate da Fiam, disegnate e costruite per ridurre ogni tipo di affaticamento per l’operatore, assicurare la massima sicurezza di impiego e aumentare la performance produttiva.

Su questi principi sono stati progettati e prodotti i nuovi bracci cartesiani che, oltre ad annullare le vibrazioni e il contraccolpo dell’utensile alla mano dell’operatore, permettono di mantenere una buona posizione del polso e la perpendicolarità sul punto di lavoro.

 

I vantaggi dei Bracci Cartesiani

Tra i punti di forza di questi nuovi ausili ergonomici, impiegabili con qualsiasi utensile, troviamo che:

  • i movimenti risultano estremamente fluidi e scorrevoli;
  • l’utensile, quando il braccio è in posizione di riposo, rimane bloccato con un magnete di sicurezza;
  • i fine corsa orizzontali sono attutiti con dispositivi speciali;
  • si può installare qualsiasi utensile fino a 50 mm di diametro grazie al morsetto universale;
  • si ottiene un’ampia area di lavoro con la veloce regolazione del braccio orizzontale in diverse posizioni.

Sono disponibili due modelli: i bracci cartesiani BC dotati della semplice corsa lineare e i bracci cartesiani articolati BCA, che consentono invece un’apertura “a bandiera” da 0 a 120° per coprire ampie aree di lavoro con la massima ergonomia e mantenendo allo stesso tempo il minimo ingombro.

 

Il dispositivo di rilevazione della posizione: più velocità ed efficienza produttiva

Tutti i nuovi bracci cartesiani possono essere dotati di dispositivo di rilevazione della posizione e costituire dei sistemi di avvitatura “Poka Yoke” che risultano estremamente efficaci per rendere più veloci ed efficienti i cicli produttivi.

Tale sistema di avvitatura è composto da:

  • braccio cartesiano completo di dispositivo di rilevazione della posizione che elabora o lo spostamento angolare del braccio cartesiano o quello angolare e lineare;
  • unità di monitoraggio TPM (Tightening Positioning Monitor) che, memorizzando le posizioni dell’avvitatore e le sue sequenze, guida l’operatore durante le operazioni di avvitatura e assicura che il prodotto finito risulti assemblato secondo le specifiche definite.

Come funziona il sistema con posizionamenti guidati?

  • funziona per “autoapprendimento”: localizza le posizioni dell’avvitatore sui diversi punti di avvitatura e le memorizza assieme alla sequenza di azioni e al numero di viti;
  • il display sull’unità TPM propone un sistema grafico che guida l’operatore man mano che si avvicina al punto di avvitatura;
  • l’avvitatore viene abilitato quando è sulla prima posizione memorizzata;
  • ad ogni vite avvitata il display indica quante viti rimangono, permettendo di passare alla vite successiva;
  • un segnale si accende a conclusione del ciclo memorizzato e dà l’ok a procedere con un nuovo ciclo di lavoro;
  • durante il processo di memorizzazione è possibile programmare una tolleranza di precisione nel raggio d’azione.

Si tratta quindi di strumenti creati e studiati per creare postazioni di lavoro sempre più ergonomiche e performanti, garantendo all’operatore una sempre maggiore sicurezza ed un minore affaticamento.

Cerchi la configurazione più adatta per la tua postazione di lavoro? Scopri tutte le soluzioni su: http://bit.ly/2VEvhxo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *