Fiam Stories

Avvitare diversi componenti con diverse coppie di serraggio tramite un’unica soluzione? Con Fiam si può

In questo articolo scoprirai il caso risolto per un’azienda leader nel settore della produzione di attrezzature da taglio, nello specifico, utensili da taglio dotati di motorizzazione elettrica.

L’esigenza del cliente era quella di disporre di 16 differenti programmi di avvitatura e avere quindi una soluzione versatile in caso di cambio componenti da avvitare, con diverse coppie di serraggio.

Per l’occasione abbiamo intervistato Cataldo Scrimieri, Sales Engineer da anni in Fiam, nel Servizio Assistenza Tecnica.

Signor Scrimieri, quale era la richiesta del cliente?

“Il nostro cliente al momento deve assemblare 2 aste dotate di 2 teste di bloccaggio, tramite l’avvitatura di 16 viti (4 per ogni testa). Le aste vengono precedentemente lavorate in una stazione di pressatura e nella successiva fase di avvitatura tutte e 16 le viti devono essere avvitate ad una coppia di serraggio di circa 12 Nm.

In vista di sviluppi futuri dei loro prodotti, il cliente ha richiesto di disporre da subito di 16 programmi differenti di avvitatura per poter avvitare i nuovi componenti che presenteranno diverse coppie di serraggio.”

E Fiam come ha risposto?

Cataldo Scrimieri racconta “Dopo aver valutato tutti i dati d’ingresso e l’esigenza specifica, assieme al team di progettisti e tecnici, ho consigliato un sistema automatico di avvitatura MCA installato su una linea di produzione, anch’essa automatica. Il sistema prevede:

  • un motore per avvitare elettronico a controllo diretto della coppia/angolo di avvitatura installato su una slitta a doppio movimento movimentata da un asse elettrico X-Y
  • un’unità di Alimentazione che alimenta il motore e fornisce i giusti parametri
  • un’unità di Controllo che assicura una gestione completa del ciclo di avvitatura per l’attuale e tutti i futuri diversi componenti da processare
  • un gruppo di alimentazione viti con relativa tramoggia, per garantire elevata autonomia lavorativa
  • un impianto pneumo-elettrico e PLC, per la gestione dell’intera ciclica di avvitatura.”

Può riassumerci i principali vantaggi ottenuti?

Nello specifico, prosegue Scrimieri, la soluzione ha risposto alle esigenze di versatilità: con un’unica soluzione di avvitatura infatti sarà possibile in futuro processare nuovi e diversi componenti, anche con coppie diverse, assicurando un rapido ritorno dell’investimento.

Altro fattore fondamentale è l’elevata cadenza produttiva ottenuta che ha comportato un notevole abbattimento dei tempi di produzione: infatti, oltre all’invio automatico di ogni vite sul punto di avvitatura, ottengo un assemblaggio automatico di più viti su un unico componente.”

Non dimentichiamo poi, conclude Scrimieri, che il sistema automatico di avvitatura MCA, grazie all’impiego di motori elettrici brushless ad alta tecnologia, assicura una grande precisione ed accuratezza di serraggio che si traduce in un controllo continuo e costante di tutte le operazioni di assemblaggio ed in una elevata qualità del prodotto finale.”

Secondo lei, che cosa ha soddisfatto maggiormente il cliente in questa commessa?

“Al di là della soluzione tecnica realizzata, che è stata conforme all’esigenza espressa, credo che il fattore più apprezzato dal cliente sia stato l’approccio tecnico personalizzato nonché le tempistiche di risposta: il nostro team ha lavorato in perfetta sinergia per consentire al cliente di avviare nei tempi previsti la sua nuova linea di produzione.”

Hai trovato interessante questo articolo? Continua a seguire il nostro blog e scopri anche i nostri canali social FacebookLinkedIn, Youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *